Presentazione

La Clinica otorinolaringoiatrica di Verona si è rinnovata, divenendo centro di riferimento per il trattamento della patologia complessa tumorale della testa e del collo e della base cranica.
Tra i particolari campi di eccellenza la clinica otorinolaringoiatrica diviene centro di riferimento internazionale per la chirurgia mininvasiva esclusiva endoscopica delle lesioni dell’orecchio medio , dell’orecchio interno e della base cranica. Il centro riceve regolarmente numerosi specialisti stranieri come osservatori di tale tecnica chirurgica che ha permesso un avanzamento nel trattamento di patologie particolarmente insidiose come il colesteatoma e il neurinoma dell’acustico, permettendo di eseguire interventi sempre più mirati e meno invasivi, riducendo la morbilità intra e postoperatoria.

Altro campo di eccellenza è rappresentato dalla chirurgia endoscopica avanzata nasale e naso- sinusale della base cranica anteriore; tale chirurgia permette l’asportazione di lesioni tumorali maligne e benigne che sono localizzate alle meningi e alla fossa cranica media attraverso le narici, permettendo anche in questo caso interventi più conservativi e meno invalidanti rispetto le tecniche tradizionali.
La Rinnovata Clinica otorinolaringoiatrica diventa quindi punto di riferimento del trattamento delle patologie complesse dell’osso temporale, della base cranica anteriore e laterale, e dei tumori avanzati della testa e del collo, grazie anche alla sinergia e alla collaborazione con altre specialistiche di rinomata eccellenza operanti nella Azienda universitaria-ospedaliera integrata di Verona quali la maxillo-facciale, la neurochirurgia e la chirurgia gastro-esofagea. Questo perché la filosofia e l’impostazione multidisciplinare attuale alla base di tali collaborazioni permette il trattamento della patologia complessa in multi-equipe garantendo pertanto il massimo livello di prestazione professionale con il minimo rischio per il paziente. “Il paziente deve essere il centro della nostra attenzione, e i nostri sforzi professionali dovranno sempre più concentrarsi nel trattamento della patologia tumorale complessa di confine che richiede pertanto una gestione multidisciplinare.

Altro punto di forza è rappresentato dalla attività chirurgica di rieducazione uditiva mediante impianti cocleari nel bambino e nell’adulto, con particolare attenzione alle ultime tecniche endoscopiche assistite di estrema utilità nel caso di malformazioni complesse che interessano l’orecchio medio e interno.