Tumori del nervo facciale

Le neoplasie che coinvolgono il nervo facciale sono di carattere benigno, l’isto tipo più frequente è quello dello swannoma o neurinoma (tumore che origina dalle fibre nervose del nervo) oppure emangioma. Sono tumori a lenta crescita che si localizzano nella maggioranza dei casi a livello del ganglio genicolato e si sviluppano superiormente verso la meninge della fossa cranica media; raggiungendo anche dimensioni considerevoli. In altri casi possono essere localizzati alla terza porzione del nervo facciale (mastoidea) o nei rami parotidei

Sintomi

Per lo più nelle prime fasi sono asintomatici; lo sviluppo superiore con interessamento delle meningi può causare raramente cefalea, nel caso di sviluppo della massa neoplastica avviene in senso medio-laterale si può avere sordità di trasmissione per decubito del tumore sulla catena ossiculare. La paralisi del nervo facciale è spesso tardiva.

Trattamento

Il trattamento è chirurgico e viene eseguito quando il tumore ha già determinato una paralisi del nervo facciale in quanto la exeresi della lesione avviene insieme al tratto di nervo interessato . L’approccio chirurgico dipende dalla sede e dalla dimensione del tumore. Nel caso di tumore a sede nel ganglio genicolato la via transcanalare endoscopica permette un accesso mininvasivo con rimozione del tessuto neoplastico ma richiede una ossiculoplastica e pertanto puo’ residuare una ipoacusia trasmissiva; altre vie di accesso sono la fossa cranica media e la via transmastoidea. In ogni caso è necessaria la ricostruzione del nervo mediante graft nervoso