Approccio Transellare

Questa via endoscopica rappresenta il classico approccio chirurgico per la rimozione degli adenomi ipofisari in alcuni casi viene utilizzata questa via per il drenaggio dei granulomi colesterinici dell’apice petroso quando vi è una espansione mediale verso il seno sfenoidale e la anatomia dei seni paranasali sia favorevole.

Indicazioni:

  • adenomi ipofisari
  • granulomi colesterinici dell’apice petroso

Descrizione

L’ostio naturale dello sfenoide viene evidenziato per via endoscopica al di sopra dell’arco coanale; mediante fresa si esegue abbattimento del rostro sfenoidale e nasalizzazione del seno sfenoidale, rimuovendo la sua parete anteriore e il setto intersinusale. La parete posteriore dello sfenoide con la sella turcica, l’impronta dei nervi ottici e della carotide interna vendono evidenziate. Con una fresa si espone la dura sellare che viene incisa per permettere l’accesso al tumore. Il tumore viene rimosso facendo attenzione alla preservazione della ghiandola ipofisaria. Un innesto mucopericondrale viene utilizzato per coprire il difetto creato.

In caso di approccio all’apice petroso mediante fresa viene rimosso il pavimento dello sfenoide evidenziando il clivus e la e carotide paraclivale , successivamente l’osso.